giovedì 23 ottobre 2008

2012 - La fine è vicina


Stando alle affermazioni di alcuni giornalisti e studiosi, tra quattro anni e due mesi moriremo tutti. Lo hanno detto i Maya 1300 anni fa, quindi possiamo crederci.

Precisamente giorno 21 dicembre del 2012 sarà il giorno apocalittico; i pareri riguardanti il modo in cui ci estingueremo sono svariegati, ma tutti convergono in quella fatidica e quantomai vicina data. Chi parla di un terremoto che sconvolgerà la terra, chi di alluvioni, chi del giorno del Giudizio, qualcuno dello sgretolamento del sole, alcuni parlano di uno stop di 72 ore della rotazione terrestre e poi di una ripresa della rivoluzione, in senso inverso però.
Secondo me il 21 dicembre 2012 Berlusconi nelle vesti di Presidente della Repubblica firmerà la legge del governo Doris (quello di Mediobanca) che all'art. 1 sancirà la fine del mondo che avrà effetto dalla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale.


I Maya, che si consideravano creature provenienti dal mais lavorato dagli Dei, vissero tra il 200 e il 900 d.c il periodo più fiorente per la loro civiltà; le principali città Maya si estendevano tra l'attuale Messico e il Guatemala. Fu una delle civiltà più evolute. Rapportando il grado di conoscenza che i Maya possiedevano 1400 anni fa ad oggi, in base ai pochi strumenti che avevano e al fatto che non hanno mai avuto contatti con gli altri continenti, possiamo dire che oggi nessuna nazione sulla Terra si avvicinerebbe neppure lontanamente al loro livello di evoluzione.


La loro concezione del tempo era diversa dalla nostra. Per noi il tempo è una lunga linea retta infinita in cui si verificano degli eventi; per loro il tempo era una linea che formava un cerchio. Credevano che il tempo fosse ciclico, che compiesse un periodo per poi ripetersi.

Esistono, sempre secondo loro, diverse ere, scandite dall'inizio di un nuovo ciclo temporale.
Calcolata dai Maya, grandi appassionati di astrologia, in base ai movimenti dei corpi celesti nell'universo, ogni era durerebbe 5126 anni. Noi viviamo in quella partita il 13 agosto 3114 a.c. che si concluderà il 21 dicembre 2012.

Dimenticavo, secondo il calendario Maya, ricostruito dagli studiosi in base ai reperti trovati, questa che sta per concludersi sarà l'ultima era. Questo perchè essi davano profonde interpretazioni ai movimenti dei corpi celesti. Secondo quelle che furono le loro credenze, la via lattea rappresenta il passaggio per l'aldilà; ebbene, il 21 dicembre 2012, dopo 25625 anni la Terra si allinerà perfettamente con l'asse della via lattea. Per questo i Maya credettero nella fine di tutto e nel concretizzarsi dell'aldilà.

Il 21 dicembre 2012 non accadrà nulla, chi pensa invece che quello sarà il giorno finale per tutti mi contatti pure, trovarà qualcuno a cui lasciare tutti i suoi beni, dato che non potranno più servirgli dopo quel vicino e bugiardo 21 dicembre.

4 commenti:

Ale ha detto...

certo che sti Maya erano degli intelligentoni..
comunque se finirà o no non lo so..ma basta che berlusconi sia fuori dalle palle..

Paolo ha detto...

avere Berlusconi presidente della repubblica è già la FINE secondo me.... speriamo che ciò non si avveri MAI

Giovanni Greco ha detto...

Anche io mi sono occupato nel mio blog del 21 dicembre 2012 e dei Maya, ma come fai essere così sicuro che non accadrà nulla, i Maya hanno lascito parecchie testimonianze della loro inteliigenza...

Lucio ha detto...

La fine è vicina ....... muuahahahah

La rivoluzione non verrà se ciascuno di voi non la farà scoppiare dentro di se